ricerca
avanzata

Cranberries (The) - Roses (2 Cd)

Un cd di  The Cranberries  prodotto da Edel, 2012

Dopo dieci anni ritornano Cranberries. Famosi al pubblico per canzoni come Zombie. Dopo il primo grande album No need to argue, i successivi sono andati scemando, come ad esempio l’ultimo Wake up and smell the coffee. Quello fu l’album della rottura, una separazione musicale ricongiunta nell’album Roses. Nel frattempo Dolores O’Riordan ha avuto modo di continuare la propria carriera solista, pensiamo anche alla collabo con i Negramaro. Dopo il 2009 si ritrovano in studio e insieme al producer di sempre, Stephen Street, hanno sfornato un album che ricorda i fasti di No need to argue. Roses è composto da undici canzoni dalla melodia tipica del gruppo, mezza folk mezza rock, con l’aggiunta della particolare interpretazione vocale dell’O’Riordan. La tracklist è composta da canzoni a loro modo particolari, anche se non si riconosce la Hit stile Zombie, per intenderci. Tra le migliori dell’album abbiamo Roses, Show me, losing my mind, Waiting In Walthamstow, So good. Ne risulta un disco nuovo, per certi versi più fresco, ma che richiama le vecchie glorie nel passato senza cadere nella reazionareità musicale e allo scopiazzamento. Un disco piacevole e a suo modo diverso dalla scena musicale attuale. Voto: 7.5

Recensione Unilibro a cura di EugenioDM

Dettagli del prodotto

  • Titolo: Cranberries (The) - Roses (2 Cd)
  • Interprete:  The Cranberries
  • Produttore: Edel
  • Data di Pubblicazione: 21 Febbraio '12
  • Genere: Varia
  • EAN-13: 4029759075608
 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Cranberries (The) - Roses (2 Cd)"
Roses, nuovo disco dopo 10 anni
EugenioDM, 2012-03-24
4

Dopo dieci anni ritornano Cranberries. Famosi al pubblico per canzoni come Zombie. Dopo il primo grande album No need to argue, i successivi sono andati scemando, come ad esempio l’ultimo Wake up and smell the coffee. Quello fu l’album della rottura, una separazione musicale ricongiunta nell’album Roses. Nel frattempo Dolores O’Riordan ha avuto modo di continuare la propria carriera solista, pensiamo anche alla collabo con i Negramaro. Dopo il 2009 si ritrovano in studio e insieme al producer di sempre, Stephen Street, hanno sfornato un album che ricorda i fasti di No need to argue. Roses è composto da undici canzoni dalla melodia tipica del gruppo, mezza folk mezza rock, con l’aggiunta della particolare interpretazione vocale dell’O’Riordan. La tracklist è composta da canzoni a loro modo particolari, anche se non si riconosce la Hit stile Zombie, per intenderci. Tra le migliori dell’album abbiamo Roses, Show me, losing my mind, Waiting In Walthamstow, So good. Ne risulta un disco nuovo, per certi versi più fresco, ma che richiama le vecchie glorie nel passato senza cadere nella reazionareità musicale e allo scopiazzamento. Un disco piacevole e a suo modo diverso dalla scena musicale attuale. Voto: 7.5